Adorazione Cesarina.

Data rilevante per la comunità di Porto Cesareo. L’Adorazione Eucaristica Perpetua, giunta al nono anno, vista attraverso la riflessione del nostro parroco Don Antonio Bottazzo.

a cura di Don Antonio Bottazzo

Quando parliamo delle chiese di Lanciano, Orvieto, Buenos Aires, Lourdes, Bolsena, Torino il nostro pensiero va subito ai miracoli eucaristici avvenuti in queste comunità. Non possiamo non pensare che anche nella comunità di Porto Cesareo, il Signore ha posato il suo sguardo facendoci vedere l’alternarsi degli adoratori come un vero e proprio prodigio eucaristico che dura da circa 9 anni.

La necessità di darsi un tempo per la propria adorazione e quindi uno stimolo per non saltare questa pratica. Noi sacerdoti decidemmo di iniziare con due ore al giorno nella “chiesa piccola” con una contemplazione silenziosa. Questa pia pratica riscontrò grande entusiasmo tra i ministri straordinari della comunione eucaristica, oltre ad alcune signore di buona volontà.

Adorazione Cesarina: si iniziò il 24 ottobre 2012.

Dopo 5 anni di allenamento il sottoscritto chiese un regalo ai ministri straordinari: iniziare l’Adorazione Perpetua; di questo ci aveva parlato ed incoraggiato ad iniziare, il nostro amico Padre Terence Idraku che conosceva bene di cosa si trattasse. Il 24 ottobre del 2012 intorno alle 12:00 Fernando Sequestro, Alba D’Agostino, Massimo Filoni ed altri, si incontrarono per lanciare questa impresa. Un violento temporale, un cielo grigio, ci aiutò a stare in chiesa tutto il pomeriggio. La sera di quel 24 ottobre iniziò questo prodigio che continua ancora oggi…

Ad incoraggiarci furono anche le parole di un parroco siciliano che in un trafiletto su Avvenire ci ricordò che il vero parroco presente giorno e notte era “Lui”. Continuava affermando che noi siamo dei poveri parolai. Difficoltà nel cammino dell’Adorazione Cesarina si sono incontrate, di tutti i tipi, ma il Signore l’ha voluta ancora a Porto Cesareo. Quali prospettive? La comunità si interroghi su come utilizzare questo strumento semplice, ma ricco di evangelizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *