Biblioteca Alberti.

a cura di Paolo Galignano

Inizio questo articolo con una data: 24 aprile 2019. Una data storica per Porto Cesareo; quel giorno vide la luce un nuovo spazio culturale per il paese: la “Biblioteca Alberti”. Una data memorabile per questo nostro piccolo paese, dedito alla pesca e al turismo estivo, ma una data davvero importante soprattutto per quel gruppo di volontari che hanno realizzato il loro sogno: la nascita di una biblioteca, laica e apolitica, che rappresenta un ulteriore sito di aggregazione e scambio culturale per la comunità di Porto Cesareo.

Questo “manipolo di eroi”, del quale ne faccio orgogliosamente parte, è composto da volontari che, come novelli Peter Pan, hanno fatto diventare la loro “Isola che non c’è” una splendida e concreta realtà. Nell’austerità e nella tristezza collettiva di questi giorni drammatici per la nostra amata Italia, il 24 aprile 2020 la Biblioteca Alberti compirà un anno di vita; un compleanno che, probabilmente, non verrà festeggiato in modo ufficiale e aperto, ma che riempie di gioia e orgoglio i cuori di coloro che, con il loro tempo e le loro energie, hanno portato la Biblioteca Alberti al suo primo “giro intorno al Sole”.

L’entusiasmo fin qui evidente non deve, però, far supporre che la nascita e il primo anno di vita della biblioteca sia stata una dolce discesa senza problemi. Infatti i mesi precedenti all’inaugurazione e i suoi primi dodici mesi sono paragonabili piuttosto a una corsa a ostacoli. Le difficoltà logistiche e di uomini e mezzi non sono mancate. Soltanto l’impegno profuso dai suoi volontari, le varie competenze individuali e il forte desiderio di realizzare questo sogno, hanno reso possibile questa titanica impresa. In conclusione, non farò il lungo elenco dei volontari, presenti e passati, ma, a nome di tutta la Biblioteca, cito e ringrazio di cuore colui che è l’anima e la mente della biblioteca, colui che ha dato il “la” alla nascita di questo progetto, posando il primo “mattone”; a lui è intitolata e dedicata la Biblioteca Alberti: il grande e inimitabile Antonio Alberti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.