Che coppia noi tre.

Il tour comico venerdì 10 settembre approda a Porto Cesareo. Appuntamento dalle 21 presso lo “Scalo d’Alaggio”.

a cura di Alessio Peluso

Sbarca a Porto Cesareo, nell’ampio spazio dello “Scalo d’Alaggio” “Che coppia noi tre”, lo spettacolo ideato da Riccardo Cassini, con l’interpretazione del trio Stefano De Martino, Biagio Izzo e Francesco Paolantoni. Rodato all’interno di contesti televisivi come “Made in Sud” o “Stasera tutto è possibile”, lo show fa della comicità il suo punto di forza. Già il titolo stesso lascia intuire una discrepanza tra la coppia che di solito si trova nell’ambito teatrale e il tre, compreso nel titolo. Ed è proprio su questo elemento che emergono domande, dubbi ed equivoci che guidano il pubblico, con l’obiettivo di intuire quale di loro alla fine risulterà di troppo e dovrà andar via.

“Che coppia noi tre”, la bellezza dell’intreccio dei ruoli.

I protagonisti si confrontano con stili e ruoli diversi. De Martino cerca di mantenere lineari le redini dello spettacolo, provando a tenere a bada gli eclettici compagni d’avventura; Paolantoni eccede e si lascia coinvolgere dai grandi classici teatrali, riproponendo passi di Shakespeare; infine Izzo prova a farsi strada con un senso dell’umorismo molto soft. La battaglia è aperta, anche se tra i tre l’unico punto d’incontro, sono le continue frecciatine nei confronti di Mario Porfito, responsabile della scenografia e degli strumenti.

Ma quali saranno le probabili tematiche su cui si verranno a confrontare? Dal sempre verde “Romeo e Giulietta”, al Principe Azzurro alle prese con una Bella Addormentata molto particolare; dal cantautore Ranieri incapace di concludere il suo pezzo musicale al dialogo tra Dio ed Adamo. E poi delle digressioni sull’importanza e il valore dell’amicizia, oltre a rimarcare il fatto che infondo lavorare, anche se con uno di troppo, non è poi così male.

Appuntamento quindi stasera a partire dalle 21. Anche per la nostra Porto Cesareo, sarà l’occasione per vedere all’opera un trio affiatato, che fa del rispetto reciproco dentro e fuori dal mondo di lavoro, il suo punto di partenza. “Che coppia noi tre”, dunque, chi sarà di troppo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *