Enzo Ferrari.

Ripercorriamo gli albori del fondatore del Cavallino Rampante, diventato marchio assoluto nel mondo.

a cura di Dario Dell’Atti

La casa automobilistica Ferrari nasce da Enzo Anselmo Ferrari nel 1947 a Maranello in Provincia di Modena. Nato da una famiglia benestante, Enzo fin da bambino dimostra smisurata propensione verso la meccanica e l’ingegneria. Nel 1916 una doppia tragedia familiare lo costringe a interrompere gli studi e trovare occupazione come istruttore nella scuola tornitori dell’officina pompieri di Modena.

Scoppiata la Prima Guerra Mondiale, è affidato al III Reggimento artiglieria alpina; colpito da un grave male affrontò due interventi e il conseguente congedo. Ristabilitosi lavora come pilota per diverse case automobilistiche fino all’approdo al gruppo Alfa Romeo dove correrà con lo stemma personale “il cavallino rampante”. Nella casa Lombarda rimane per circa 20 anni, ricoprendo diverse cariche e diventando Direttore del reparto Alfa Corse.

Poco dopo, Ferrari si ritira e crea la prima azienda, “l’Auto Avio Costruzioni”. Dopo la guerra, a Maranello nasce ufficialmente “La Scuderia Ferrari”. La prima gara si disputa nel torneo di Formula 1 a Monaco il 21 maggio 1950; la prima vittoria con alla guida Gonzalez si conquista nel Gran Premio di Gran Bretagna, sbaragliando l’attrezzatissima Alfa Romeo.

Enzo Ferrari e l’incontro con Tazio Nuvolari da avversari in pista nel 1924.

Il primo titolo mondiale giunge nel 1952 con il pilota Alberto Ascari. Nel corso della sua vita Ferrari è stato insignito di molti titoli: nel 1952 titolo di Cavaliere al merito del Lavoro, nel 1979 quello di Cavaliere di Gran Croce. Nel 1994 e nel 2000 entra di diritto, nella Hall of Fame delle corse automobilistiche e dell’automobile.

E nel ricordare la storia del Cavallino Rampante, non possiamo tralasciare il 16 novembre 1892, data di nascita di Tazio Nuvolari, considerato tra i piloti più forti di tutti i tempi. Singolare il suo incontro con Enzo Ferrari. Si trovano in quel di Ravenna pronti alla partenza. Da una parte Enzo, dall’altro il magrolino Tazio.

Ferrari si aggiudica la corsa con la sua Alfa 3, Nuvolari lo tallona con la sua Chiribiri. È l’inizio di un duello che si ripeterà nelle settimane seguenti. Passeranno solo 6 anni e nel 1930 Nuvolari è ufficialmente pilota Alfa, con Enzo Ferrari nella figura di capo reparto corse. Nasce così una carriera sportiva che porterà grosse soddisfazioni ad entrambi.

Immagine di copertina tratta da noinotizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.