Festa dei Nonni.

La ricorrenza in Italia è ufficiale dal 2005. Precursori della Festa dei Nonni invece, risultano gli Stati Uniti.

a cura di Alessio Peluso

Già da un po’ di anni ha preso piede una ricorrenza che ci coinvolge tutti da vicino. Chiunque abbia avuto la fortuna di conoscere, frequentare ed amare i propri nonni, può cogliere facilmente questo aspetto. La figura del nonno è stata da sempre idealizzata nell’uomo lavoratore, magari con la barba bianca e il cappello; le rughe invece, a rendere testimonianza degli anni trascorsi e della fatica. La nonna al contrario, dedita alla cucina, al riordino della sua casa, a preparare abbondante nutrimento per veder crescere sani e forti i propri nipotini. Entrambi sempre disponibili, secondi genitori pronti a prendere per la mano i loro prescelti e coccolarli.

Sì, parlare dei nonni è come descrivere un dipinto meraviglioso che non ha mai fine. E allora è facile immaginare come tale ricorrenza sia entrata facilmente in pianta stabile nella nostra vita, diffusa nell’ambito scolastico e nelle famiglie. Si preparano lettere, si leggono poesie, si preparano lavoretti con simpatici disegni.

Marian McQuade: 15 figli e 40 nipoti.

E pensare che la Festa dei Nonni non ha radici antichissime. In Italia ad esempio è ufficializzata dal 2005 e la scelta del 2 ottobre non è casuale. Si è ritenuto opportuno legare la figura dei nonni agli angeli custodi, che si festeggiano nel medesimo giorno. Una scelta azzeccata, se pensiamo che gli angeli sono un mix ai confini tra materia e spiritualità. E’ vero, i nonni non hanno le ali, ma possono farci volare con le loro storie e racconti; attraverso la loro presenza possiamo percepire quella carezza, che resta indelebile, anche quando ci lasciano e prendono il volo verso il cielo.

A precorrere però i tempi sulla Festa dei Nonni, ci pensò Marian McQuade, casalinga vissuta nella Virginia Occidentale con a capo 15 figli e 40 nipoti. Il suo obiettivo, poi raggiunto, era dare rilevanza al ruolo dei nonni. L’istituzionalizzazione civile negli Stati Uniti nel 1978 è stato il primo passo di una festa che negli anni si è divulgata enormemente. Anche oggi, che i nonni si sono evoluti rispetto ad un tempo, tra una foto aggiornata del profilo, un messaggio WhatsApp o la prenotazione on – line di un film al cinema. Ma fidatevi, l’amore per i nipoti è lo stesso di una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *