Cabinet stradale a Porto Cesareo.

a cura di Massimo Peluso

Grazie alle autorizzazioni comunali, forestali e provinciali necessarie, Tim ha già da qualche mese iniziato i lavori di adeguamento della rete internet per passare alla più “veloce” rete in fibra “non pura”, detta anche fibra misto rame o più tecnicamente Fttc (fibra to cabinet). Tutto ciò a spese della stessa Tim, come già fatto in altri comuni vicini al nostro, affinché venga eliminato il divario digitale. Andando sul sito di qualsiasi operatore, si può verificare se si è coperti dalla Fttc sino a 100 mb/s e, da nostre informazioni, molte vie del comune cesarino sono già abilitate ad attivare la fibra, lasciando il vecchio collegamento in ADSL, che tanto ha fatto penare in termini di prestazioni e stabilità del segnale.

Ma perché la nostra fibra è ” non pura”? Perché il vero collegamento in fibra “pura”, super veloce sino ad 1 gigabit/s (Ftth o fibra to home) prevede che l’intera rete sia in fibra, partendo dalla centrale Telecom, sita alle spalle delle Scuole Medie, passando per il cabinet stradale (foto in allegato) e sin dentro casa. Quella che invece verrà attivata a Porto Cesareo, sarà in fibra dalla centrale Telecom sino al cabinet stradale, mentre il resto del collegamento sino alle abitazioni resterà in rame: ecco perché è una fibra mista.

Ciò comporta velocità inferiori, più dispersione del segnale e sbalzi legati alle intemperie meteorologiche; inoltre più la propria abitazione è vicina al cabinet, maggiore sarà la velocità internet raggiungibile (min. 40 mb/s; max 100 mb/s), in quanto diminuisce la tratta in rame. Ricordiamo che con il passaggio alla tecnologia in fibra, il telefono per funzionare va collegato al modem, per cui nel caso sia spento o manchi la connessione, non potrà essere utilizzato. Tuttavia, se il vostro operatore è Tim, e sarete contattati per il passaggio, potrete rifiutare solo disdettando il vostro contatto telefonico. Ovviamente però, si fa un passo enorme in termini di velocità, che pone il nostro territorio al passo coi tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *