La Brigata Catanzaro.

a cura di Francesco Paladini

La brigata Catanzaro era un’unità militare che eccelse nei combattimenti dal luglio 1915 e composta da due reggimenti: il 141° ed il 142°. Il 26 maggio 1916 due battaglioni del 141° mantenevano la prima linea sul monte Mosciagh, sull’altopiano d’Asiago e uno del 142° reggimento si trovava nelle retrovie pronto a supportare, in caso di attacco, i primi due.

Nella serata, gli austriaci, approfittando di una forte grandinata, attaccarono la prima linea facendo indietreggiare i due battaglioni nelle seconde linee. La brigata, esausta dopo questo attacco, fu mandata a riposo a Santa Maria la Longa, ma la serenità del momento fu spenta quando girò la notizia di un eventuale ritorno in prima linea da parte della brigata stessa.

Ne conseguì una rivolta armata la sera del 15 luglio, iniziata dai soldati del 141° ed estesa anche al 142°. Solo grazie all’azione combinata di carabinieri e cavalleggeri la rivolta fu placata e i soldati ribelli arrestati; i morti ammontano a 3 ufficiali e 4 carabinieri. La mattina successiva, 28 soldati ribelli furono fucilati.

Ultimo tentativo di sommossa, poi la resa della brigata Catanzaro.

Un altro episodio avvenne nei primi di giugno, nel quale i superstiti della prima rivolta, rimandati di nuovo in prima linea, si ribellarono urlando e sparando in aria ma, furono immediatamente sedati dagli ufficiali. Questo gesto fu punito con altre 10 fucilazioni sommarie. I soldati della brigata che sopravvissero anche a questa rivolta furono inviati alla corte marziale, che decretò altre 4 condanne a morte nel settembre dello stesso anno ponendo così fine al caso della rivolta della brigata Catanzaro.

Le cause di tali rivolte furono lo scontento da parte dei soldati della brigata, generato dal prolungamento del loro impiego in prima linea e la disparità di trattamento tra la brigata Catanzaro e le altre brigate, le quali beneficiavano di turni più agevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *