Marcia della Pace a Porto Cesareo.

a cura di Annairis Rizzello

Lo scorso 31/01/2020 a Porto Cesareo in una splendida giornata di sole, adulti e ragazzi di tutte le età si sono radunati presso lo scalo d’alaggio per marciare insieme. Ma marciare per cosa? Marciare per la pace che sembra essere un qualcosa di normale e diffuso ovunque negli anni che corrono, quando in realtà non è affatto così. Mentre noi marciavamo uniti in una sola voce, in altre parti del mondo c’erano persone sovrastate da guerre civili, militari o economiche.

La marcia della pace, organizzata da Azione Cattolica ha coinvolto non solo la parrocchia, ma anche le autorità civili e le varie associazioni presenti sul territorio. Il tutto si è svolto in 3 momenti fondamentali. Il primo consisteva nel prendersi per mano e camminare insieme; il secondo, una volta giunti sul sagrato della chiesa, prevedeva giochi per i più piccoli, al fine di affrontare temi importanti quali: la famiglia e i suoi bisogni, con l’importanza di avere una casa in cui vivere; l’attenzione per gli anziani che hanno tanto da insegnarci, la cura dell’ambiente e del creato, l’integrazione, per far sentire a casa anche chi non lo è.

Terzo momento, ma non per importanza, è stata la partecipazione alla Santa Messa, per raccogliersi e riflettere su ciò che ognuno di noi, nel suo piccolo, può fare quotidianamente per diffondere la pace. Anche perché come diceva Eleanor Roosevelt “Non è sufficiente parlare di pace. Bisogna crederci. E non basta crederci. Bisogna lavorarci sopra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.