Antonia Tetta Scarlino, centenaria cesarina.

a cura di Alessio Peluso

Vorrei incontrarti fra cent’anni, tu pensa al mondo fra cent’anni, ritroverò i tuoi occhi neri, tra milioni di occhi neri, saran belli più di ieri…” È il sogno di tanti raggiungere la cifra perfetta, quota 100, un privilegio per pochi eletti. Un traguardo che Antonia Scarlino sogna di raggiungere dalla sua nascita, 21 maggio 1920 ad oggi. Originaria di Melissano, nel lontano 1950 si trasferisce nella nostra Porto Cesareo, per accompagnare il marito Ruggiero Pindinello nel suo percorso lavorativo. Insieme costruiranno una famiglia numerosa con ben 11 figli.

Lei da donna matura, piena di vita e amorevole, se ne prenderà cura, ricoprendo egregiamente il suo ruolo da madre di famiglia. Ancora oggi dall’alto dei suoi 100 anni lo spirito è più che mai vivo, la memoria mai doma. Ed è grazie ad essa che Antonia ci narra uno degli avvenimenti che hanno segnato il suo secolo di vita: correva l’anno 1962 e dolori addominali lancinanti avevano minato le sue condizioni di salute. Ben presto trasferita a Roma per essere curata, le sarà diagnosticata una peritonite perforata, che i medici reputano da subito inguaribile. Fasciata con delle garze, trascorrerà in una stanza d’ospedale la notte tra il 24 e il 25 dicembre, giorno di Natale.

Giunta l’alba, la sua compagna di reparto chiama i dottori, poiché Antonia non lancia più urla di dolore e presumibilmente dovrebbe essere morta. Invece no! All’arrivo dei medici lei si alza dal letto ed è miracolosamente guarita! Racconta di aver visto una coppia di medici, venuti nella notte con una coppetta in plastica e una penna con inchiostro e calamaio. I dottori esterrefatti dell’accaduto si rivolgono alla sede papale. Di lì a poco sarà lo stesso Papa Giovanni XXIII, il “Papa buono” ad andare a trovarla. Durante questo dialogo le saranno mostrate alcune foto religiose, dove riconoscerà i suoi guaritori misteriosi: i Santi Medici Cosma e Damiano. Da allora e per il resto della vita continui pellegrinaggi di devozione, che l’hanno portata il 21 maggio 2020 a compiere un secolo di vita. Tanti auguri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.